Walkingshadow.info

Walkingshadow.info

Scarica il programma cubase sx italiano

Posted on Author Gucage Posted in Internet

  1. 5 Software DAW freeware per Windows e Mac
  2. Guida semplice a Cubase
  3. Sapreste dirmi dove trovare Cubase (qualsiasi versione) gratis?
  4. Recensione

Naturalmente Cubase è compatibile con software esterni, come strumenti musicali o pannelli di missaggio. Restrizioni. Versione di prova di 30 giorni. Informazioni. Una stazione di lavoro per l'audio digitale ✓ Gratis ✓ Caricato ✓ Scarica ora. Siamo lieti di consigliarvi programmi quali Cubase che altri utenti hanno apprezzato. Valutazione: 5 (Users ) Numero di download (in italiano): 50, Scaricate la vecchia versione di Cubase. Versione del Programma Cubase , Windows XP, Windows Vista, Windows 7, Windows , Cubase, download gratis. Cubase Un alleato fedele per creare tutta la musica che vuoi. Cubase è un software professionale dedicato alla creazione di​.

Nome: scarica il programma cubase sx italiano
Formato: Fichier D’archive
Sistemi operativi: iOS. Android. Windows XP/7/10. MacOS.
Licenza: Solo per uso personale (acquista più tardi!)
Dimensione del file: 66.65 Megabytes

Butta via il resto. Nel volume 4 della nostra serie di raccolte di VST gratuiti, vi daremo alcuni magici synth. Perché i synth?

Perché il loro suono è ottimo e sono infinitamente divertenti. I synth vanno bene in qualsiasi contesto nella tua traccia: dai suoni vigorosi e massici ai tintinnii inquietanti, fino ad accordi soft che conciliano il sonno.

Dal pannello possiamo decidere il numero di tracce midi da aggiungere. In questo caso agiremo sulla finestra con il valore 1 per inserire il numero di tracce che desideriamo. Lasciamo il valore inalterato e clicchiamo su Add Track. Il pannello si chiude e nella finestra principale possiamo ora vedere la prima traccia del progetto.

Per cambiarlo facciamo doppio click sul nome e scriviamo il nuovo. Premiamo Invio, da tastiera, per confermare il nuovo nome. È venuto il momento di caricare il nostro strumento musicale virtuale e collegarlo alla traccia che abbiamo aperto. Gli slot di Input e Output Spostiamoci nei due slot di input e output, nella parte sinistra della finestra.

Gli slot di Input e Output di Cubase 6, per impostare il flusso audio. Lo slot degli output invece non è al momento connesso a nulla: è qui che dovremo collegare la traccia alla library. Dalla finestra che si apre clicchiamo sul primo slot vuoto.

Scelta la library si aprirà una finestra che ci chiede se vogliamo associarle una traccia MIDI. Da qui potremo selezionare lo strumento che ci serve e iniziare a suonarlo. Nel primo slot è già caricato uno strumento: First Contact.

Visto che non è quello che ci serve, clicchiamo sul triangolo a destra del nome.

5 Software DAW freeware per Windows e Mac

Per una ricerca più precisa e veloce possiamo selezionare più categorie contemporaneamente. Ogni volta che iniziamo una nuova ricerca ricordiamoci di cliccare il pulsante di Reset nella parte alta della finestra, a destra di quello Attribute. Questo pulsante deseleziona tutte le categorie su cui abbiamo cliccato precedentemente, assicurandoci che la nostra ricerca ricominci davvero da zero.

Lo strumento che ci serve è il Piano.

Lo strumento apparirà nello slot del sample player di HALion. Possiamo adesso utilizzare la tastiera visualizzata nella parte bassa della finestra per sentire il suono dello strumento, basta cliccare sui tasti.

Collegare il virtual instrument alla traccia Ora non ci resta che collegare lo strumento alla traccia che abbiamo aperto e alla nostra tastiera midi. Per fare questo facciamo click sullo slot di Output che abbiamo visto prima.

Registrare una traccia Per registrare della musica in una traccia di Cubase bisogna assicurarsi che il pulsante Record Enable della traccia sia attivo, cioè di colore rosso. Se non lo è, basta cliccarlo e la nostra traccia sarà abilitata alla registrazione.

Il pulsante che attiva la registrazione della traccia in Cubase Per avviare la registrazione basta cliccare sul pulsante Record, che si trova nella barra superiore della finestra. Lo stesso pulsante si trova anche sulla Barra di Trasporto. Il Pannello di Transporto con i comandi principali di riproduzione del brano. Se clicchiamo su Play, un cursore verticale inizerà a scorrere da sinistra a destra della finestra. Il display visualizza la posizione del cursore. Il bpm indica il numero di battiti al minuto: semplificando, maggiore è questo valore, più veloce sarà il ritmo del progetto.

Il valore visualizzato nella figura è quello di default, Avviare e interrompere la registrazione di una traccia Avviamo dunque la registrazione con un click sul pulsante Record e iniziamo a suonare.

Quando abbiamo finito fermiamo la registrazione cliccando sul tasto Stop, oppure premendo la barra spaziatrice della nostra tastiera. In questo modo apriremo il Key Editor, la finestra di Cubase dalla quale gestiremo tutti i particolari delle nostre performance con gli strumenti MIDI. Il funzionamento di base di questa finestra è pressoché universale.

Indipendentemente dal sequencer che stiamo usando, infatti, le note midi verranno sempre rappresentate in uno spazio di lavoro come questo: una parte centrale più ampia nella quale vengono visualizzate le note sotto forma di segmenti, e a sinistra una tastiera musicale di riferimento. La parte inferiore, più piccola, e divisa da una barra orizzontale grigia si chiama Display Controller.

Il Display Note È il posto in cui modifichiamo le caratteristiche fondamentali delle note registrate durata, posizione, velocity… Se passiamo il mouse su una nota viene evidenziata la nota corrispondente della tastiera.

Guardiamo adesso i diversi segmenti colorati presenti nella finestra. Ognuno di questi rettangoli rappresenta una nota. Quelli più lunghi corrispondono alle note che abbiamo tenuto più a lungo.

Guida semplice a Cubase

In questo caso vediamo subito la differenza tra le note in basso, tenute più a lungo, che sono le note degli accordi suonati con la mano sinistra. In alto, le note più brevi che compongono la linea melodica suonata dalla mano destra.

Infatti di default i segmenti sono colorati di blu per valori bassi, diventano gradatamente viola per quelli medi, e infine si colorano di rosso acceso per le velocity intorno a Ad esempio, in questa figura capiamo subito che la prima nota è stata suonata in fortissimo, la seconda ha una intensità media, e la terza suona in pianissimo. Note MIDI colorate diversamente a seconda della velocity Per modificare la velocity di una nota anzitutto facciamo click sulla nota stessa.

A questo punto, immediatamente sopra al righello del Key Editor, appariranno una serie di informazioni su quella nota: le prime sono Start e End che indicano in quale punto del progetto inizia e finisce la nota.

Sapreste dirmi dove trovare Cubase (qualsiasi versione) gratis?

Facendo doppio click su questo valore potremmo inserire un numero da 0 a La modifica della velocity nella finestra del Key Editor Vedremo subito il colore della nota cambiare a seconda della nostra scelta. Senza fare Play, possiamo ascoltare i suoni nota per nota semplicemente facendo click sul rettangolo di ogni nota presente nel piano roll.

Tagliare, copiare, incollare, spostare le note Molte delle operazioni che svolgiamo sulle note MIDI sono le stesse che facciamo in un documento di testo: cioè possiamo copiare, incollare e spostare le note proprio come faremmo con una parola, e con le stesse scorciatoie da tastiera. Per spostare una nota, ad esempio, basta tenere premuto il tasto sinistro del mouse su di essa e trascinarla dove vogliamo. Facciamo click sul righello del Key Editor in modo che il cursore di spostamento si posizioni dove vogliamo incollare la nota.

Per spostare una nota verticalmente la si seleziona e si preme la freccia su o già della tastiera: in questo modo la nota verrà spostata di un semitono sopra o sotto. In questo modo la nota verrà spostata un ottava sopra o sotto. Uno strumento essenziale per perfezionare la posizione delle note nella griglia, è la quantizzazione.

Recensione

Il procedimento lo trovi descritto in questo articolo sulla quantizzazione midi in Cubase che ti mostra rapidamente come il Quantizer renda più precisa la disposizione delle note, specialmente se registrate suonando senza adoperare il metronomo. Il metronomo Il metronomo è uno strumento che produce dei battiti regolari alla velocità desiderata. Tutti i musicisti lo usano per eseguire i brani ad un ritmo costante, e il musicista virtuale non fa eccezione.

A questo scopo, in Cubase troviamo un metronomo personalizzabile e facile da gestire per andare a tempo mentre suoniamo. I comandi base del metronomo si gestiscono dal Transport Panel di cui abbiamo già parlato.

Il valore di default visualizzato sul pannello è di Il metronomo nel Transport Panel di Cubase Questo significa che il sequencer invierà battiti al minuto in inglese è beats per minute, abbreviato in bpm. Nessun battito verrà registrato nella nostra performance, quindi potremmo usare questa funzione sia per provare la parte da suonare che per registrare.

Modificare la velocità del metronomo Per cambiare il bmp di un brano il modo più semplice è cliccare la voce Track dal Transport Panel, e poi fare doppio click sul numero.

A questo punto il valore diventerà modificabile, come nella figura: Modifica del bpm nel Transport Panel Per confermare, premiamo Invio da tastiera. Oppure, più semplicemente, premiamo C da tastiera. Per non sentire il metronomo basterà compiere di nuovo la selezione da menu o premere C. Naturalmente lo scopo è suonare a tempo e quindi possiamo aggiungere il metronomo sia su tracce audio che MIDI.

E' possibile attivare il software appena installato utilizzando un codice di attivazione non ancora utilizzato. Dopo l'inserimento del codice di attivazione all' interno della eLicenser Control Center installata automaticamente insieme al software Steinberg , la licenza viene scaricata e automaticamente e allocata sul computer o sulla USB-eLicenser chiavetta USB.

Se la licenza è già stata scaricata su una USB-eLicenser, la attivazione non è necessaria oltre che impossibile. In questo caso basterà semplicemente connettere la USB-eLicenser al computer alla fine dell'installazione del software. Selezionare il pulsante per saperne di più.


Articoli simili: