Walkingshadow.info

Walkingshadow.info

Schema scarico wc a parete

Posted on Author Vujas Posted in Giochi

  1. Sanitari sospesi o a terra? Una guida completa per la scelta giusta
  2. Qual è la principale differenza tra sanitari sospesi e sanitari a terra?
  3. Differenze tra scarico a terra e a parete: Come scegliere i sanitari

Se il vaso wc deve scaricare a parete, noi, alla misura di cm 18 che corrisponde alla distanza tra centro scarico e pavimento finito (Vedere la. Relativamente al tubo di scarico del vaso, in detta foto è del tipo a muro, quindi si è dovuto montare un vaso con lo scarico a parete. Sostituzione wc con scarico a parete: Come montare un wc filo muro Come prima cosa dovrete procurarvi un water. La scelta al momento è. Sciacquone Perde Acqua, cosa fare? Sciacquone Pulsante ad Aria per Scarico Wc. Recensione e Prezzi. Galleggiante Cassetta Wc a Muro.

Nome: schema scarico wc a parete
Formato: Fichier D’archive
Sistemi operativi: iOS. Android. Windows XP/7/10. MacOS.
Licenza: Solo per uso personale (acquista più tardi!)
Dimensione del file: 69.88 Megabytes

Dalla planimetria sottostante è possibile notare la collocazione del vaso, del bidet o vasca , del lavabo, del piatto doccia ed è inoltre visibile, incassettato in muratura di forati dello spessore di cm 5, murati a malta bastarda , il tubo del diametro del in PVC maggiorato colore arancione che conduce in basso alla fognatura nera stradale, ed in alto sul tetto, dove servirà come sfiato per i maleodori, che altrimenti uscirebbereo dai vari apparecchi sanitari.

CLIC Nella sezione sottostante avete una visione completa, sia pur disegnata, delle curve, della braca e del pezzo speciale con i raccordi laterali da 40 mm, ai quali si attaccheranno gli scarichi del lavabo, del bidet e della doccia, Sopra la parte diritta della braca, del diametro del , verrà innestato il vaso in porcellana.

CLIC Più sotto ancora, notate le fotografie di un bagno in una casa da ristrutturare, e specie nella prima foto è possibile vedere la braca, il pezzo speciale sotto la braca in grigio e le varie curve. Relativamente al tubo di scarico del vaso, in detta foto è del tipo a muro, quindi si è dovuto montare un vaso con lo scarico a parete.

Comunque, nella nostra casa non abbiamo questo problema. Proseguendo, nel disegno della pianta sottostante, sono indicati in rosso i percorsi dei nostri scarichi: come vedete quelli del bidet e del lavabo sono incassati nel muro, mentre quello della doccia corre sul solaio.

In questo modo non ci saranno tubature a vista, risparmierai spazio e la pulizia sarà molto più semplice. Se state valutando questa soluzione e pensate che montare un wc a filo muro sia qualcosa di molto complicato, sappiate che invece è semplicissimo. Cerchiamo di capire prima di tutto cosa sono i sanitari a filo muro.

Sanitari sospesi o a terra? Una guida completa per la scelta giusta

Ormai li si vede ovunque, questo dipende dal fatto che oltre a essere belli e pratici, sono anche piuttosto economici. Questo piccolo trucchetto conferisce ai sanitari a filo muro un design essenziale ed elegante. Ma vediamo nel dettaglio come montare un wc a filo muro. Se gli scarichi sono corretti, montare il wc a filo muro risulterà semplicissimo.

Qual è la principale differenza tra sanitari sospesi e sanitari a terra?

Basterà quindi far coincidere gli scarichi tenendo il wc perfettamente aderente al muro e fissarlo al muro con gli appositi accessori in dotazione che possono cambiare in base al modello scelto. Il montaggio del water a filo muro è fatto!

Difatti, in molti Comuni viene richiesta la visitabilità dell'appartamento da parte di una persona con handicap, cioè è d'obbligo rendere accessibile almeno un bagno e il soggiorno. Ovviamente, questo requisito non sarebbe soddisfatto nel caso in cui si dovesse fare un gradino , per cui si rende necessario un altro bagno che risulti normalmente accessibile.

Stato dei luoghi di appartamento con bagno e piccolo servizio Il grafico rappresenta lo stato di fatto di un appartamento metropolitano di media metratura, con un ampio e ben esposto terrazzo a livello, lungo i due lati perimetrali ad angolo. L'immobile risulta dotato di doppi servizi, uno dei quali senza finestra e di dimensioni troppo anguste, risultando insufficiente a contenere gli adeguati elementi bagno, necessari alle esigenze del nucleo familiare.

L'intenzione dei proprietari era quella di rimodulare soprattutto la zona giorno, creando al contempo due bagni entrambi funzionali: si necessitava di un bagno padronale per la zona notte e di un bagno giorno completo di spazio lavanderia, fruibile dal living.

Creare due nuovi bagni entrambi con finestra La seguente pianta di progetto strutturale raffigura la soluzione da me ideata per razionalizzare i volumi abitativi, aumentando la vivibilità dell'immobile in senso generale. Uno spazioso bagno padronale a superficie rettangolare risulta ora prossimo alle camere, mentre il bagno giorno assume una conformazione pentagonale, data all'inclinazione dell'adiacente disimpegno - corridoio.

Una porta scorrevole in vetro a scomparsa nel muro, segna la divisione in diagonale tra il disimpegno notte e il living, creando ovviamente anche lo spazio antibagno, da interporre obbligatoriamente tra i bagni e il soggiorno.

Una terza soluzione, che è quella che consente una maggiore ottimazione degli spazi in molti casi, è quella di inserire la doccia nel punto in cui non penseresti mai: sotto la finestra. Anche in questo caso è una soluzione ottimale per i bagni stretti e lunghi, infatti riesci ad avere una doccia molto ampia larga quanto tutto il bagno e che non da fastidio. I due esempi tipici Naturalmente ci sono moltissimi possibili variabili, e tutto dipende realmente dalla forma e dimensione del tuo bagno, quindi va quasi sempre studiata una soluzione ad hoc.

Differenze tra scarico a terra e a parete: Come scegliere i sanitari

Questi sono naturalmente tutti consigli pratici ma ricordati che in ogni caso sono la posizione della porta d'ingresso e della fecale a comandare la disposizione dei sanitari: più vicino alla fecale si trova il wc meno problemi avrai. Anche in questo caso un esempio pratico 5. Si tratta di semplici accorgimenti di tipo ergonomico che ti aiuteranno a definire nei dettagli la disposizione del tuo nuovo bagno.

Il lavandino Quanto è grande un lavandino? Ci sono le misure standard, cioè quelle del classico lavabo in ceramica con la colonna sotto 60 centimetri circa di larghezza per 50 centimetri circa di profondità e ci sono poi le misure di quello che ormai si installa realmente, cioè piani lavabo di design, con le forme e le dimensioni più disparate.

Se il bagno che stai ristrutturando è quello principale della tua casa allora il consiglio è di pensare ad un piano per il lavandino largo circa 90 centimetri e profondo tra i 50 e i 55 centimetri: è sicuramente più comodo. Per quanto riguarda lo spazio vitale che ci deve essere ai lati ti basta pensare a come utilizzi il lavandino: ti ci metti di fronte.

Considerando il lavabo standard è sufficiente lasciare 10 centimetri a sinistra e 10 centimetri a destra del lavandino per permettere un utilizzo ottimale. Se invece vuoi optare per un lavabo di dimensioni più generose puoi tranquillamente ignorare lo spazio necessario ai lati, anzi potresti addirittura addossarlo ad una parete laterale senza problemi. Il bidet Le dimensioni di quasi tutti i modelli di bidet e wc sono standard: 38 centimetri di larghezza per 55 centimetri di profondità.

Da qui ci si scosta poco, a meno che tu non stia cercando dei sanitari di dimensioni ridotte per un bagno molto piccolo. Per lo spazio necessario ai lati anche in questo caso ti invito a pensare a come usi il bidet: ti ci metti a cavalcioni. Quindi quando pensi a come metterlo nel tuo bagno devi tenere presente che ti serve, su entrambi i lati, lo spazio sufficiente per mettere le tue gambe: 25 centimetri sono uno spazio più che sufficiente a meno che tu non sia alto 2 metri e non abbia gambe chilometriche.

Quindi lo spazio strettamente necessario è quello del wc stesso. Una cosa a cui devi fare attenzione è lo spazio che ci deve essere di fronte a tutti questi sanitari: lo spazio minimo vitale sono circa 60 centimetri.

Se il tuo bagno è stretto puoi provare a cercare sul mercato un modello di wc e bidet di dimensioni ridotte: ce ne sono moltissimi e non sono assolutamente più scomodi di quelli classici. In questo caso non hai problemi di spazio ai lati, anzi se riesci ad addossarla a due pareti contigue è addirittura meglio. Per la vasca il discorso è simile alla doccia, anche se forse più semplice ancora: assicurati di avere abbastanza spazio per entrarci e il gioco è fatto.

Vuoi sapere le dimensioni di una vasca da bagno?

Potrei risponderti: qualsiasi dimensione tu voglia. Quella più diffusa nei bagni degli appartamenti è cm x 70cm di larghezza. Adesso sai tutto del bagno: i problemi che puoi incontrare, come disporre i sanitari, che dimensioni hanno, che distanze devono mantenere. Finalmente è giunto il momento di scegliere il tipo di sanitario e le finiture di pavimento e pareti.

Se decidi di rivestire pavimento e pareti di piastrelle ricordati che le piastrelle che metterai a terra dovranno essere antisdrucciolo e resistenti agli urti.


Articoli simili: