Walkingshadow.info

Walkingshadow.info

Suicidio con gas di scarico

Posted on Author Maushakar Posted in Film

  1. Suicidi a catena ed “effetto Werther”
  2. Il salvataggio
  3. Tenta il suicidio con i gas di scarico dell'auto, salvato da un passante

Ha attaccato un tubo in plastica alla marmitta e poi l'ha introdotto all'interno dell'​abitacolo della sua vettura. Voleva farla finita così un 73enne. CASERTA - Ha deciso di farla finita in mezzo alla campagna, con la figlia più delle tre figlie, chiudendosi nell'abitacolo della vettura saturo dei gas di scarico. Un quarantenne è stato individuato da un uomo nelle aperte campagne di Tribano, dove aveva messo in atto il tentativo di gesto estremo. Per cominciare, lasciatemi illustrare alcune tecniche di suicidio davvero l'​infiltrazione nell'abitacolo del gas di scarico emesso da un'automobile con il motore.

Nome: suicidio con gas di scarico
Formato: Fichier D’archive
Sistemi operativi: iOS. Windows XP/7/10. MacOS. Android.
Licenza: Solo per uso personale (acquista più tardi!)
Dimensione del file: 16.16 MB

La vicenda risale alla scorsa notte quando al è arrivata la segnalazione da Milano di una ragazza che, contattata da un conoscente di Cuorgnè, preannunciava l'intenzione dell'uomo di togliersi la vita. Rintracciato il numero telefonico dell'uomo, i carabinieri, dopo aver localizzato il telefono a Castellamonte, provavano a mettersi immediatamente in contatto con il soggetto, anche per verificare la fondatezza della segnalazione.

Al suo interno i militari hanno trovato un uomo accasciato, in stato di quasi incoscienza. Prima di accendere la vettura l'uomo aveva anche ingerito tre scatole di vari farmaci. Il soggetto è stato affidato alle cure del personale del e trasportato d'urgenza alle Molinette dove si trova tuttora ricoverato ma non più in pericolo di vita.

Non ultimo, nonostante sia lontano, sono rimasto attaccato alla mia città, Torino.

Eppure, quando gli chiesi se avrebbe permesso che la famiglia, o qualche amico intimo, lo trovassero in quelle condizioni, mi rispose di no. Anche se si fa in modo che il corpo sia tirato giù da un poliziotto o da un lettighiere, continuo a ritenerlo un modo inaccettabile di togliersi la vita.

Più bassa è la temperatura, più celere è la fine. Questo modo di morire lascia inoltre senza risposta alcune domande: si è trattato di un gesto deliberato?

Suicidi a catena ed “effetto Werther”

Sarà ritrovato il corpo? Ho sentito di diverse persone che si sono sparate per sottrarsi alle loro sofferenze, spesso quando sono provocate da un enfisema in fase avanzata.

Il numero di donne che sceglie questa strada è molto più basso di quello degli uomini. Negli Stati Uniti, tra il 50 e il 60 per cento dei suicidi ricorrono a una pistola.

Alcuni di quelli che si sono puntati la pistola alla tempia hanno mancato il punto vitale e sono sopravvissuti. Altri si sparano nel petto, puntando in direzione del cuore. Ma anche questo metodo non è a prova di errore.

Il problema non è semplice. Per esempio, secondo le statistiche ufficiali in Italia si verificano circa 3.

Non è possibile affrontare in questa occasione in modo esauriente il problema della psicologia e della psicopatologia del suicidio, cioè della condizione psichica — nei suoi aspetti normali e patologici — della persona che ha deciso di togliersi la vita 4 , ma si deve tener conto che nella maggioranza dei casi tale decisione viene presa solo nel corso di un processo, spesso molto travagliato, in cui possono essere distinte alcune fasi.

Se è difficile immaginare che una persona si tolga la vita unicamente per aver letto la storia di un suicidio, chi ha già preso in considerazione il suicidio viene influenzato in questo processo in misura maggiore o minore da fattori esterni.

Il salvataggio

Le sue tesi hanno avuto un largo seguito e vengono riportate anche in studi recenti, benché spesso in modo acritico. Lo psichiatra americano Jerome A. Il fatto che dopo il suicidio dello scrittore Ernst Hemingway non si fosse osservato un analogo incremento dei suicidi portava Jerome A.

Nel David P. Phillips 8 ha confrontato il numero di suicidi negli Stati Uniti nel mese successivo al suicidio di una personalità — il criterio era la pubblicazione della notizia sulla prima pagina di The New York Times — con il numero di suicidi che ci si sarebbe dovuto attendere per quel mese, tenendo conto per quanto possibile di tutte le variabili.

Fra il e il erano stati pubblicati 34 casi di suicidio rispondenti ai criteri suddetti: in 26 casi il numero dei suicidi era stato superiore a quello che ci si sarebbe dovuto attendere. Secondo David P. Questa interpretazione avrebbe anche conseguenze per la prevenzione: se vi sono situazioni a rischio — come solitudine, alcolismo e tossicodipendenza —, queste non portano necessariamente al suicidio.

Mentre la diffusione di associazioni che si interessano di gruppi a rischio avrebbe ridotto il numero dei suicidi, questi verrebbero invece incrementati dalla pubblicità data al suicidio, soprattutto a quello di persone famose.

Tenta il suicidio con i gas di scarico dell'auto, salvato da un passante

Rintracciato il numero telefonico dell'uomo, i carabinieri, dopo aver localizzato il telefono a Castellamonte, provavano a mettersi immediatamente in contatto con il soggetto, anche per verificare la fondatezza della segnalazione. Al suo interno i militari hanno trovato un uomo accasciato, in stato di quasi incoscienza. Prima di accendere la vettura l'uomo aveva anche ingerito tre scatole di vari farmaci.


Articoli simili: